Windows 10: Ripristinare Windows Store (o qualsiasi altra applicazione preinstallata)

Avendo un’oretta di tempo libero voglio verificare quello che ho scritto nell’articolo “Windows 10: Rimozione della applicazioni preinstallate” rimuovendo per poi ripristinare Windows Store (ma sarebbe lo stesso per qualsiasi applicazione preinstallata) da Windows 10.

Di seguito annoto i passaggi da compiere per il solo ripristino. Per la rimozione fate un salto nel passato qui.

1. Console di Powershell

Tutto inizia dalla console Powershell aperta come amministratore: tasto start e nella casella di ricerca scriviamo Powershell. Quando compare nei risultati, tasto destro del mouse “Esegui come amministratore“.

powershell-like-administrator
Fig.1: eseguire Powershell come amministratore

Leggi tutto “Windows 10: Ripristinare Windows Store (o qualsiasi altra applicazione preinstallata)”

Windows 10: Rimuovere tutte le applicazioni preinstallate

Parliamoci chiaro, Microsoft con Windows 10 ha fatto un buon lavoro.  Ha eliminato gran parte delle problematiche che affliggevano Windows 8 riportando la semplicità di utilizzo del suo sistema operativo all’altezza del tanto amato Windows 7. C’è una cosa che tuttavia fa storcere il naso a molte persone: le presenza di troppe applicazioni preinstallate (anche dette Modern Apps) sul sistema operativo. Molte sono carine, ci mancherebbe, ma altre spesso risultano inutili o di poco utilizzo.

Oggi da buon venditore ho la soluzione per i più drastici di voi che continuando a leggere questo articolo scopriranno come rimuovere completamente tutte le Modern Apps preinstallate! Per tutti quelli che invece volessero rimuoverne solo alcune vi rimando all’articolo che ho scritto qualche settimana fa sulla rimozione “selettiva” delle applicazioni preinstallate.

powershell-like-administrator
Fig.1: esecuzione di Powershell come amministratore.

Leggi tutto “Windows 10: Rimuovere tutte le applicazioni preinstallate”

Windows 10: Rimozione delle applicazioni preinstallate

L’ultimo nato di casa Microsoft, il famoso Windows 10, viene fornito  con una serie di applicazioni preinstallate che consentono di rendere più semplice ed agevole l’esperienza all’utilizzatore.

Alcune di queste applicazioni preinstallate non servono, almeno a me, e finiscono per occupare prezioso spazio inutilmente. Solo alcune purtroppo sono disinstallabili facilmente utilizzando il click destro del mouse come Twitter in fig.1. Per le altre devi utilizzare la forza bruta (o continuare a leggere questo articolo).

windows-10-didinstallazione-app
Fig.1: Disinstallazione di un’applicazione preinstallata mediante tasto destro del mouse e relativo menu contestuale.

Leggi tutto “Windows 10: Rimozione delle applicazioni preinstallate”

Office 365: Disabilitare i Messaggi Secondari (Exchange Online Clutter)

Nelle scorse settimane agli utenti Office 365 (Exchange Online) è stata aggiunta un’utile funzione funzione chiamata “Messaggi Secondari“. Messaggi ricevuti ma considerti a bassa priorità da un sistema di riconoscimento automatico che tiene conto delle preferenze dell’utilizzatore, vengono spostati in un’apposita cartella denominata appunto “Messaggi Secondari”.

Outlook-office-365-messaggi-secondari

Copio integralmente il messaggio di presentazione inviato da Microsoft:

È stata aggiunta una nuova fantastica funzionalità che filtra i messaggi di posta elettronica con priorità bassa, per consentirti di dedicare più tempo ai messaggi più importanti. Si chiama Messaggi secondari.

Messaggi secondari rileva le tue attività passate per determinare i messaggi che probabilmente ignorerai. Quindi li sposta nella cartella Messaggi secondari. Usa la posta elettronica come al solito e Messaggi secondari capirà quali messaggi non sono importanti per te. Di tanto in tanto, Messaggi secondari sbaglia. Puoi spostare i messaggi identificati erroneamente come secondari nella cartella Posta in arrivo e Messaggi secondari lo terrà presente.

Purtroppo il sistema di riconoscimento automatico dei messaggi non sempre è perfetto e molti utenti mi hanno chiesto di disattivare questa funzione. Come fare?

Metodo 1: utilizzando la Webmail

Questo primo metoto è il più semplice. La funzione dei messaggi secondari non è un obbligo e ogni utente può attivarla / disattivarla quando vuole. Per farlo è sufficiente passare della webmail. Purtroppo non è possibile disattivarla dai client di posta come Outlook o Windows Mail per citarne due.

Messaggi Seocndari 1
Fig.1: Cosa sono i messaggi secondari? Lo spiega Microsoft.

Nella webmail è presente apposita area “Opzioni“. Tra quelle in elenco è impossibile non notare quella dei Messaggi Secondari come in Fig.2. Potete personalizzarla come meglio credete.

Messaggi Secondari Opzioni
Fig.2: Opzioni di funzionamento per i messaggi secondari.

Metodo 2: utilizzando Powershell (per admin)

Alcuni utenti invece sono pigri e chiedono direttamente all’amministraotre di rete di disattivare i messaggi secondari (come nel mio caso). Utilizzando la Powershell si possono disattivare senza difficoltà, è sufficiente seguire la procedura qui sotto che è funzionate al 100% (provata di persona). Purtroppo non esiste una strada grafica se non utilizando il metodo 1.

Collegarsi con Powershell a Office 365

Come primo passo eseguiamo la Powershell come amministraore e colleghiamoci a Office 365 (Exchange Online):

Set-ExecutionPolicy RemoteSigned

$UserCredential = Get-Credential

$Session = New-PSSession -ConfigurationName Microsoft.Exchange -ConnectionUri https://outlook.office365.com/powershell-liveid/ -Credential $UserCredential -Authentication Basic -AllowRedirection
Import-PSSession $Session

Disattivare i Messaggi Secondari

Ora è sufficiente sostituire il famoso “Mario Rossi” con l’utente a cui disattivare i Messaggi Secondari.

Set-Clutter -Identity mario.rossi@contoso.com -Enable $false
Disabilitare-messaggi-secondari-con-Powershettl
Fig.3: Risultato Powershell

Come ultimo step, solo quando abbiamo finito, meglio terminare la sessione Powershell:

Remove-PSSession $Session

Se avete utilizzato il Metodo 3, 4, 10, 100 che non ho descritto ogni commento è ben accetto!

AuthorizationManager check failed in Powershell

Ieri ho pestato la testa per delle ore a causa di un errore restituito da Powershell al momento di eseguire uno script. L’errore tradotto in italiano è “Controllo AuthorizationManager non riuscito” o in inglese “AuthorizationManager check failed”.

AuthorizationManager-check-failed

Documentandomi in rete ho appreso che non c’è una sola causa che provoca il problema. Possono essercene diverse!  Leggi tutto “AuthorizationManager check failed in Powershell”

Unattend.xml e domain join automatico

Il primo avvio di un computer e il join dello stesso ad un dominio può essere un’operazione che fa perdere diversi minuti inutili.

Negli ultimi giorni ho seffettuato dei test che mi permetteranno di risparmiare notevole tempo nell’installazione e nella messa in rete di molti personal computer basati su Windows 7 Professional.

Ho creato un semplice file di risposte unattend.xml che, dopo aver effettuato il sysprep del sistema ed aver creato delle immagini dello stesso per la distribuzione, limita al massimo l’intervento del personale IT per il primo avvio e la messa a dominio del computer. Leggi tutto “Unattend.xml e domain join automatico”