Monitorare rete e server con Observium (su Ubuntu)

Tenere sotto controllo i parametri vistali di un rete è fondamentale. Observium è una comoda e pratica piattaforma di monitoraggio multi-device che trasforma un semplice computer nel grande fratello della tua infrastruttura. Voglio sapere quanto traffico passa da una porta dello switch? In che momento della giornata decine di utenti mi verranno a dire ‘La rete è lenta’? Su quale switch è collegato un particolare Mac-Address? Posso rispondere a queste domande interpellando Observium.

Non essendo una mago di Linux la mia esperienza va molto “a tentativi”. Tenta una volta, tenta la seconda e sono riuscito ad installare l’ultima versione di Observium su Ubuntu 16.04.

screen-capture-graf

 

Ma ora veniamo a noi. Istalliamo Observium su Ubuntu (non me ne vogliano i più esperti, sicuramente la guida è migliorabile e ogni suggerimento e ben accetto). Leggi tutto “Monitorare rete e server con Observium (su Ubuntu)”

Recuperiamo i dati da un hard disk danneggiato con ddrescue

ddrescueDdrescue è una potente software con licenza GNU che ci aiuta nella creazione dell’immagine di un hard disk, anche danneggiato. L’immagine ottenuta può essere molto utile per tentare di recuperare i dati senza compromettere la sorgente originale.

Ddrescue è installabile su una macchina Linux. Per la stesura di questo articolo l’ho utilizzato su una macchina virtuale Ubuntu.

Avviso: Se l’hard disk danneggiato non viene visto dal BIOS del computer non tentare il recupero. In questo caso datelo a dei professionisti! Leggi tutto “Recuperiamo i dati da un hard disk danneggiato con ddrescue”

Installare una macchina virtuale Ubuntu Linux per fare esperienza

Se nasci tondo non muori quadrato. Questa frase me la ripeto ogni volta che mi trovo davanti a un server Linux. Non sapere come metterci le mani mi spaventa e mi mette in difficoltà. Anche il Mac lo era fino a due anni fa quando mi hanno regalato un MacBook Pro.

virtualizzazione-client

Con gli strumenti attuali fare pratica con il mondo Linux non è poi difficilissimo. Basta metterci un po di pazienza e buona volontà. A mio avviso se vuoi imparare qualcosa ci sono due strade … o ti ci butti a capofitto (togli Microsoft dal computer che abitualmente usi e ci metti Linux), oppure usi le macchine virtuali.

Con le macchine virtuali il tuo computer non viene compromesso. Ti stanchi? La cancelli e tutto torna pulito come prima.

Ci sono diversi software che permettono di utilizzare macchine virtuali per emulare computer all’interno di computer. Alcuni gratuiti, come ad esempio VirtualBox, altri con prezzi accessibili come VMware e Parallel. Leggi tutto “Installare una macchina virtuale Ubuntu Linux per fare esperienza”

La struttura delle cartelle Linux

Iniziamo l’apprendimento del mondo linux dalla base. La struttura delle cartelle Linux:

/ Questa è la directory di root. La cartella radice. Da questa cartella si creano tutte le altre. Prima non c’è niente.

/root Cartella dedicata all’utente root. L’utente con i massimi privilegi nel vostro computer. /bin Cartella dove risiedono le utility standard di linux (es: i programmi).

/etc Cartella dove risiedono le configurazioni amministrative e di sistema.

/dev Cartella dove risiedono i files che controllano le vostre periferiche (CD-Rom, DVD, ecc).

/home Questa cartella racchiude i files dei vostri utenti. I files di configurazione specifici risideono qui (ad eccezione dell’utente root).

/tmp File temporanei.

/usr Cartella dove risiedono ulteriori utility che non si trovano in /bin o /etc. La cartella /usr è divisa in sezioni come /usr/bin per i programmi, /usr/share per dati condivisi come suoni o icone, /usr/lib per le librerie che non vengono avviate direttamente ma che svolgono funzioni essenziali per l’uso con altri programmi.

/opt Cartella che contiene le cose “opzionali”. Volete testare un programma ancora in beta? Installatela in /opt da dove la potrete cancellare senza sconvolgere gli altri programmi o configurazioni.

/usr/local Qui vengono messi i programmi scaricati con le varie installazioni manuali. Ha la stessa struttura di /usr.

/media Alcune distribuzioni usano questa cartella per montare alcuni dischi usb, drive cd o dvd e altri filesystems.